Scopriamo Garda by Bike la pista ciclabile sospesa sul Lago di Garda

Il Lago di Garda ha da poco aggiunto un nuovo gioiello alla sua collezione di splendide attrazioni turistiche. Si tratta della Garda by Bike, la pista ciclabile sospesa più spettacolare d’Europa, che con un percorso di 2,5 km collega i paesi di Limone sul Garda con Capo Reamol, sulla sponda occidentale del lago.

La pista ciclabile più spettacolare d’Europa

La pista ciclabile sospesa sul Lago di Garda è stata inaugurata nel mese di luglio 2018 ed è già diventata un must non solo per gli amanti della bici, che hanno l’opportunità unica di pedalare a 50 metri sul livello dell’acqua, ma anche per tutti i turisti, famiglie e bambini, che vogliono concedersi una passeggiata con paesaggi mozzafiato sul lago.

La pista ciclabile Garda by Bike è facilmente raggiungibile dalle principali località di villeggiatura della sponda occidentale del Lago di Garda, come Salò, Toscolano Maderno e Gargnano, ed il percorso attuale è già in progetto di ampliamento per raggiungere, 12 km più a nord, la cittadina trentina di Riva del Garda.

Anche durante le fredde giornate invernali turisti, curiosi ed appassionati di ciclismo si lanciano lungo il pittoresco percorso per deliziarsi con la vista del Lago di Garda a strapiombo e per ammirare i variegati colori dei suoi spettacolari tramonti.

La ciclopista dei sogni

Per il futuro il progetto di Garda by Bike prevede di creare la pista ciclabile dei sogni che, una volta completata, permetterà di percorrere in bici tutto l’anello del lago: si tratterà di un percorso di 140 chilometri sospeso sull’acqua attorno ad uno dei laghi più affascinanti d’Europa, attraversando così le province del Benaco: Brescia, Trento e Verona.

Secondo il programma i lavori saranno ultimati nel 2021 ed avranno un costo complessivo di 102 milioni di euro. Il sogno è poi quello di collegare la pista ciclopedonale del Garda con la Ciclovia del Sole, progetto che dal Brennero dovrebbe snodarsi in direzione Nord-Sud, e la Ciclovia Vento, tracciato che sviluppandosi lungo il fiume Po dovrebbe in futuro unire le città di Venezia e Torino.

Il primo passo sarà in ogni caso la conclusione dei lavori della pista dell’Alto Garda che unirà Tremosine, sulla sponda bresciana, a Brenzone, sulla sponda veronese del Lago di Garda.

Garda By Bike Pista ciclabile sospesa sul Lago di Garda

Spettacolari soluzioni ingegneristiche e materiali sostenibili

La ciclovia gardesana colpisce in particolare per lo spettacolare percorso e per le soluzioni di ingegneria adottate. I primi 2,5 chilometri di strada collegano il comune di Limone sul Garda con Capo Reamol, piccolo borgo situato nei pressi del confine con la provincia di Trento.

La pista è stata creata con una struttura a sbalzo che si sostiene alle pareti di roccia nei punti in cui la strada Gardesana Occidentale, che la fiancheggia per buona parte del percorso, entra nelle gallerie. Per le sue caratteristiche è unica in Europa. Il progetto ha tenuto conto anche dell’impatto sul paesaggio e del clima della zona.

Sono stati infatti utilizzati materiali come il similegno resistente alle intemperie e le protezioni in acciaio che danno l’impressione di sfilare sul pontile di una nave. Uno degli obiettivi della pista è quello di promuovere il turismo sostenibile, in cui le persone possano andare alla scoperta di questo splendido territorio con percorsi a misura d’uomo creati nel pieno rispetto della natura circostante.

Informazioni Utili su Garda by Bike:

Dove inizia

A Limone del Garda

Dove Parcheggiare e collegamenti

Limone sul Garda è collegata a Salò e Riva del Garda grazie alla strada statale Gardesana Occidentale. Una volta giunti in paese si può lasciare l’auto in uno dei parcheggi pubblici del centro, come quello di via Caldogno o del Lungolago Marconi, dove vale la pena fare una passeggiata e visitare il Museo del Turismo.

Una volta arrivati al punto finale della pista, che si trova all’altezza del monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale, si può proseguire in bicicletta fino a Riva del Garda percorrendo la statale, anche se il vero spettacolo è costituito dalla pista a sbalzo, per cui il consiglio è quello di fare dietrofront e godersi un altro giro su questa giostra unica.

Orari di apertura

La pista ciclopedonale di Limone sul Garda può essere percorsa liberamente 24 ore su 24. È infatti illuminata a meraviglia con delle luci a led, integrate nei parapetto, che ne facilitano la percorrenza anche di notte e limitano l’inquinamento luminoso, creando uno scenario da fiaba.

Consigli per la visita

  • Prendersela comoda:
    La pista ciclabile va goduta e apprezzata in ogni istante. È una pista aperta a tutti, pedoni e ciclisti, per cui bisogna procedere con cautela, evitando di percorrerla a velocità eccessiva, tanto che il limite imposto dal comune di Limone è di 10 km orari. Si tratta di una ciclopedonale pensata soprattutto per famiglie con bambini e turisti in cerca di relax. Il panorama spettacolare, creato dalle rocce a strapiombo sulle acque del Garda, e dall’imponente vista del Monte Baldo dall’altro lato del lago, accompagna ogni metro del percorso.
  • Scoprire i dintorni:
    Si può approfittare dell’occasione per andare alla scoperta delle famose limonaie del Garda. Nella zona ve ne sono in particolare 3 da conoscere: la Limonaia di Villa Borghi, la Limonaia del Tesol e la celebre Limonaia Del Castel. Limone sul Garda è famoso anche per essere il paese più longevo d’Italia. Poco più a sud si trovano Gargnano, con le sue ville storiche, e Gardone Riviera, che offre ai turisti due attrazioni uniche: il complesso monumentale Vittoriale degli Italiani ed il Giardino Botanico Hruska.


La data di sabato 14 luglio 2018 è già entrata nella storia. Quel giorno migliaia di persone hanno assistito all’inaugurazione della pista ciclabile sospesa del Garda, un’opera considerata rivoluzionaria che cambierà per sempre il turismo del Lago di Garda.

 

Credits: immagine presa da Siviaggia.it e Spiegel.de